Informazioni su Colite

Dissenteria. Il nemico è nella nostra testa: cause e rimedi.

Dissenteria. Il nemico è nella nostra testa: cause e rimedi.

dissenteria-causeLe persone che hanno il timore di uscire di casa per paura di avere un attacco di dissenteria sono molte più di quelle che si pensa. Le cause della dissenteria possono essere plurime, ma molte volte sono associate a problematiche psicologiche e per questo più difficili da affrontare da soli. Tutto può iniziare con un attacco di dissenteria che colpisce il malcapitato in una tavola calda o ad esempio in ufficio dopo la pausa pranzo. Un’esperienza non certo piacevole, ma che potrebbe divenire drammatica se non affrontata con il giusto piglio e qualora ci si lasciasse sopraffarre dal nostro lato emotivo. E’ così che la paura di mangiare lontano dalla propria abitazione diventa una realtà concreta e riuscire a spiegare a sé stessi le cause di questa dissenteria e arginare la paura legata a questo disturbo diviene impresa impossibile. In questi casi tra le prime cause che si associa alla dissenteria vi è l’eccesso di ansia e la ferma convinzione che ogni qual volta si esca di casa un attacco di dissenteria possa essere sempre lì in agguato, fuori dalla nostra porta, pronta a minare la nostra stabilità emotiva e fisica. Prima di uscire di casa il pensiero che possa venire la diarrea, non appena si esce, il terrore che un attacco possa colpirci. Un vicolo senza uscita nel quale ci sentiamo imprigionati, senza riuscire a trovare dei rimedi concreti per curare la dissenteria. La consapevolezza nel soggetto affetto da attacchi di diarrea che si tratti di un problema psicologico esiste, ma non sembra migliorare la situazione, tanto da metterlo ancora più in crisi non appena si ritrova in uno spazio esterno, al chiuso. La differenza che avverte rispetto alla tranquillità percepita tra le mura di casa o gli ambienti “famigliari” è tale da rendere ancor più problematica la sua condizione. Il soggetto che ha paura di avere attacchi di diarrea tende a portare con sé pastiglie di Imodium, ma la sua condizione non sembra migliorare. Non sono i farmaci che agiscono a livello fisico migliorare la condizione psicologica di un soggetto. Chi cerca i medicinali come rimedi per questo tipo di dissenteria rischia di fare l’ennesimo buco nell’acqua. Questo perchè nella maggior parte delle volte, se non nella totalità dei casi, questi attacchi di dissenteria non avverranno mai. Ne a casa e nemmeno fuori casa.

“Le cause della dissenteria vanno quindi cercate altrove, molto più vicini di quanto si pensa, ovvero dentro sé stessi”.

Tra le cause di una dissenteria di questo tipo occupa un posto principale certamente il timore di non riuscire a controllare pienamente il proprio corpo. E’ da qui che nasce il ciclo ansia-terrore-dissenteria, causa regina di questa paura da attacchi di diarrea. La soluzione a questo tipo di problema è di fondamentale importanza perchè questo terrone non fa altro che aumentare lo stress individuale e quindi favorire una condizione di affaticamento di tutto il corpo che in certi casi può manifestarsi attraverso l’emergere di problemi di colite e di colon irritabile. Accade così che una semplice paura può divenire talmente “concreta” dal punto di vista mentale da far nascere disturbi “reali” nel nostro organismo e obbligarci quindi a iniziare una vera terapia per il colon irritabile. I problemi intestinali sono ben più gravi della mera paura di attacchi di diarrea e applicarsi per scoprire come curare la colite risulta decisamente più impegnativo che stigmatizzare una semplice paura, perchè necessita di una terapia personalizzata.
Il miglior rimedio per curare la dissenteria causata dalle nostre ansie è quello di convincersi del fatto che in fondo non sia così determinante controllare al 100% il nostro corpo e che anche una diarrea improvvisa, tutto sommato non può rappresentare un dramma rispetto a tante altre brutte tragedie che coinvolgono la vita di altre persone. Se le cause della nostra diarrea sono mentali, anche i rimedi alla dissenteria devono essere di questo tipo. Dobbiamo imparare a convincere il nostro cervello che una dissenteria non può rovinarci l’esistenza, alla stregua di come non la rovina a tutti gli altri. Anche perchè, come dicevamo, bisogna essere coscienti che esasperando questa paura, potremmo suggestionare a tal punto il nostro corpo da alimentare l’irritazione del nostro colon e dover affrontare una cura ben più impegnativa, come una terapia per il colon irritabile.
Nonostante questo è possibile dare qualche suggerimento su cosa mangiare in caso di dissenteria. Favorire una dieta per combattere la diarrea vuol dire per certi versi iniziare una dieta preventiva per la colite cronica.

Cibi suggeriti per questa dieta anti diarrea:
Melanzane, noci, mele, pane (evitare quello con cereali o integrale), carote, pollame, zucchine, patate e cioccolato amaro.
In caso di dissenteria preferire nella dieta i centrifucati alla frutta intera.
Cosa non mangiare invece quando si soffre di dissenteria sono invece: le verdure ricche di fibre, i kiwi, le prugne, bevande gassate.

In ogni caso comunque è buona norma aumentare il consumo di acqua.

Voglio liberarmi della diarrea

Posted in: Dissenteria

Leave a Comment (35) ↓

33 Comments

  1. Adriano Marino giugno 1, 2014

    Ehi bell’articolo. Mi è piaciuto davvero, comincio a seguire il blog :)

    reply
    • coliteaddio giugno 2, 2014

      Grazie Camelia, il mio proposito è quello di poter informare ed aiutare le persone a trovare la corretta soluzione ai loro problemi intestinali.
      Sarò felice di un tuo prossimo riscontro

      Buona Guarigione!

      reply
  2. Gloria aprile 8, 2015

    Ho sempre sofferto di mal di pancia fin da piccola, ma questo problema si limitava ai momenti stressanti di un comune adolescente (compiti in classe, interrogazioni). Somatizzo le cose a livello intestinale e questo l’ho sempre saputo. Mi sono rivista in questo articolo perché circa un anno e mezzo fa ad una cena con amici mi è venuto un attacco di diarrea e da quel giorno è iniziato l’incubo. Uscire con amici non è piu un piacere ma uno stato di ansia. Sicuramente la mia intolleranza al lattosio non aiuta. Nonostante sia consapevole di questa mia paura di un attacco di diarrea con amici o al lavoro non riesco ad eliminarlo del tutto. Ogni volta che si presenta una cena entro in crisi. Come posso fare per superarlo?

    reply
    • coliteaddio aprile 10, 2015

      Ciao Gloria
      la tua problematica ha in particolare un’origine psicosomatica.
      Ti consiglio vivamente di assumere Relationship come fiori australiani (7 gocce sotto la lingua 2 volte al dì) e i giovani getti di mirtillo rosso per equilibrare la peristalsi intestinale.

      dott. Luca Lombardi

      reply
    • Ile novembre 28, 2015

      Come ti capisco…. Io evito se posso di uscire. Mi basta salire in macchina e cominciò a star male!!!

      reply
  3. Gloria aprile 29, 2015

    Grazie… proverò sicuramente! La situazione al momento sembra migliorata… cercare di allontanarsi dallo stress e dalle arrabbiature mi ha aiutata… purtroppo nella vita ci saranno altri periodi di forte stress e proverò ad utilizzare quello che mi hai consigliato!

    reply
  4. Serena settembre 29, 2015

    Purtroppo non riesco a resistere e mi ricopro di pastiglie di imodium, sento che mi aiutano e automaticamente l’ansia passa, però se le finisco e non ho tempo di prenderle, mi viene da piangere, mi arrabbio con il mondo e mi viene voglia di morire, odio questa situazione e farei di tutto pur di guarire. Un giorno a scuola ho avuto il primo attacco di diarrea e da quella volta ho paura ogni volta che esco. Non sono più uscita con amici e faccio fatica a uscire pure con i miei genitori. Il problema è che ho un’ora e mezza di autobus la mattina e può immaginare l’ansia e i pensieri che mi faccio. Una volta sono dovuta scendere dell’autobus per un’improvviso attacco di diarrea. Quindi sono andata dal medico che mi farà fare delle analisi alle feci e consulterò uno psicologo. Per il momento cerco di riempirmi di pensieri positivi, spero che domani vada bene.

    reply
    • coliteaddio ottobre 19, 2015

      Ciao Serena
      la tua condizione l’ho trattata parecchie volte, bisogna comunque accertarsi dell’origine specifica della tua problematica.
      Sono sicuro di poterti aiutare, ma per farlo correttamente preferisco avere da te informazioni più precise.
      A tal fine puoi chiamarmi al 380.5297662
      Stai tranquilla perchè tutto si potrà risolvere, ed in maniera naturale

      Luca Lombardi

      reply
  5. sofia ottobre 21, 2015

    salve a tutti, da circa 3 settimane ho lo stesso problema. a casa tutto bene, appena so che devo uscire iniziano i rumori intestinali e appena salgo in macchina devo scendere per cercare un bagno. cosa che non accade col motorino perche dico che e’molto piu semplice trovare una via di fuga, un posto isolato o un bagno in un cc..
    oggi, per la prima volta sono scoppiata in lacrime perche davvero non ce la faccio piu a sopportare questa situazione..ho letto molte cose in giro..mi sono convinta che e’ una cosa psicologica perche non puo essere un semplice caso il rapporto fuori casa/bagno…ho preso imodium ma a volte sento che non basti…cosa posso fare? grazie

    reply
    • coliteaddio ottobre 27, 2015

      Si hai ragione, è una questione prettamente psicologica!
      E la nostra psiche ogni tanto ce ne fa di questi scherzetti..
      Professionalmente ti devo rispondere che non ho sufficienti informazioni per poterti aiutare.
      Chiamami pure al 380.5297662 in modo tale da poterti essere d’aiuto

      dott. Luca Lombardi

      reply
  6. Gianpiero novembre 18, 2015

    Sono “schiavo” della colite da circa 18 anni.. solo in questo ultimo periodo sto avendo miglioramente assumendo la vitamina D (di cui ero molto carente)… putroppo ormai non esco più, ho perso la gioia di fare le cose, mi sveglio sempre con la paura di avere la diarrea e il mio pensiero per tutta la giornata è “l’intestino è ok? sento movimenti strani? sento lo stimolo di andare in bagno”… non so se rimanere così per tutta la vita

    reply
    • Luca novembre 19, 2015

      Ciao Gianpiero
      il consiglio più grande che ti posso dare è quello di non arrenderti ed avere la fiducia in te stesso e nella tua guarigione. Non conosco la tua storia e quello che hai cercato di fare per curare questa patologia. Come naturopata ti posso dire e garantire che la colite è una manifestazione patologica assolutamente guaribile. Questo di solito non avviene immediatamente, l’importante nella mia visione è lavorare a 360°.
      Questo vuol dire curare l’alimentazione in maniera particolare (cosa che la maggior parte dei medici ignora completamente). Inoltre ripristinare in maniera integrale tutto il microbioma intestinale con dei probiotici adatti e specifici (non certo con l’enterogermina). Disinfiammare le mucose intestinali con prodotti naturali che non vanno in seguito a contribuire ad aumentare la tossiemia in atto. Ed infine ma non per ultimo, gestire ed avere un’attenzione particolare alle dinamiche psicosomatiche che possono contribuire all’evolversi di questo quadro clinico.

      Se desideri il mio aiuto attraverso tutto questo, in ColiteAddio ho messo a disposizione la possibilità di essere seguiti anche a distanza (lavoro privatamente a Bari) attraverso un Programma Personalizzato Intensivo (P.I.P.) che trovi da questo link: http://www.coliteaddio.it/accedi
      Puoi scegliere tra tre diverse opzioni come potrai leggere.
      Non arrenderti, una soluzione c’è sempre nella vita. Anche per te!
      Per ogni altra info sono a tua disposizione

      dott. Luca Lombardi
      Naturopata
      http://www.coliteaddio.it/ordina

      reply
    • Luca novembre 20, 2015

      Ciao Gianpiero
      il consiglio più grande che ti posso dare è quello di non arrenderti ed avere la fiducia in te stesso e nella tua guarigione. Non conosco la tua storia e quello che hai cercato di fare per curare questa patologia. Come naturopata ti posso dire e garantire che la colite è una manifestazione patologica assolutamente guaribile. Questo di solito non avviene immediatamente, l’importante nella mia visione è lavorare a 360°.
      Questo vuol dire curare l’alimentazione in maniera particolare (cosa che la maggior parte dei medici ignora completamente). Inoltre ripristinare in maniera integrale tutto il microbioma intestinale con dei probiotici adatti e specifici (non certo con l’enterogermina). Disinfiammare le mucose intestinali con prodotti naturali che non vanno in seguito a contribuire ad aumentare la tossiemia in atto. Ed infine ma non per ultimo, gestire ed avere un’attenzione particolare alle dinamiche psicosomatiche che possono contribuire all’evolversi di questo quadro clinico.

      Se desideri il mio aiuto attraverso tutto questo, in ColiteAddio ho messo a disposizione la possibilità di essere seguiti anche a distanza (lavoro privatamente a Bari) attraverso un Programma Personalizzato Intensivo (P.I.P.) che trovi da questo link: http://www.coliteaddio.it/accedi
      Puoi scegliere tra tre diverse opzioni come potrai leggere.
      Non arrenderti, una soluzione c’è sempre nella vita. Anche per te!
      Per ogni altra info sono a tua disposizione

      dott. Luca Lombardi
      Naturopata
      http://www.coliteaddio.it/ordina

      reply
  7. Ale gennaio 11, 2016

    Ciao io ho un problema e non so come risolverlo!! Non so come è comparso ma di sicuro al improvviso!! Sono stata in egitto un pauo di mesi fa,dopo circa 2/3 settimane sono venuti degli amici dalla Svizzera in vacanza ,siamo andati a Roma per visitare e improvvisamente mi e venuta la diarrea mi hanno dato delle pastiche ma non funzionavano avevo sempre la sensazione di dover’a dare al bagno e stavamo al collosseo a piedi avevo paura di farmela adesso!! Arrivati a casa non e più successo per un po’ ma dopo una settimana o due! Andavo al lavoro e sono scesa dal pullman perché me la facevo sotto una due tre volte da li non sn più salita per la paura !! E sono pasati mesi e mesi e mi accompagna chi può dei miei familiari al lavoro e mi prendono sempre loro e per strada ci fermiamo un paio di volte per andare al bagno!! Ma strano e che quando sono a casa tutto il giorno non ho assolutamente bisogno di andare al bago!! Cosa può essermi successo!? Grz

    reply
    • coliteaddio febbraio 29, 2016

      Ciao Alessandra
      la tua manifestazione intestinale è prettamente di carattere psicosomatico.
      La questione per risolvere il tuo problema è capire qual’è l’ancora che fa scattare questo meccanismo fisiologico.
      Chiamami pure al 380.5297662

      Luca Lombardi

      reply
  8. Alessandro febbraio 26, 2016

    Salve, sin da piccolo ho sempre sofferto di colite nervosa ed ansiosa. Ma abbastanza gestibile, poi da quando si è aggiunto lo stress lavorativo (a contatto con persone) qualsiasi tipo di farmaco tipo imodium non fà nessuno effetto, solo con il normix mi seto leggermente meglio, ma solo momentaneamente. Somatizzo le cose a livello intestinale e questo l’ho sempre saputo. Inizialmente mi venivano attacchi anche solo col pensiero di uscire, ma su questo fortunatamente l’ho risolto con il ballo(salsa & bachata). Però il cumulo di stress ansia e nervosismo spesso prende il sopravvento e mi vengono attacchi sempre piu’ forti fino ad avere evaquazioni liquide. Mi sono rivolto anche a dottori specialisti in questo campo, dopo tutte le analisi fatte nn risultava niente di grave solo un ‘infiammazione al colon. Qualche consiglio per superare questo imbarazzante problema?

    reply
    • coliteaddio febbraio 29, 2016

      Ciao
      la tua manifestazione intestinale è prettamente di carattere psicosomatico.
      La questione per risolvere il tuo problema è capire qual’è l’ancora che fa scattare questo meccanismo fisiologico. Inoltre presuppongo ci sia bisogno di ripristinare l’eubiosi intestinale e andare a lenire con integratori naturali l’infiammazione presente sulle mucose dell’intestino.
      Ti propongo quello che ormai diverse centinaia di persone in tutta Italia conoscono e hanno già utilizzato con successo.
      Su http://www.coliteaddio.it/ordina.htm hai la possibilità di scegliere tra tre opzioni diverse per ogni esigenza.
      Buona guarigione

      Luca Lombardi

      reply
  9. Roberta marzo 13, 2016

    Buonasera, spesso quando vivo situazioni di stress cado in attacchi d’ansia e uno dei sintomi che insorgono è la diarrea o dolori e rumori addominali. Quando esco di casa mi viene un sacco di ansia perché il problema è che durante questi attacchi mi è anche capitato di avere un mal di pancia insopportabile, di vedere nero e sudare freddo. Se sono in giro e sento un lieve rumore o dolore mi viene subito l’ansia perché ho paura di sentirmi così male di nuovo. Il problema è che è tutto un circolo vizioso, quando mi viene l’ansia poi mi sento disturbata di intestino e questo fatto genera altra ansia. Grazie per l’attenzione spero in un suo aiuto.

    reply
    • coliteaddio agosto 25, 2016

      Ciao Roberta
      scusa per il ritardo, questa tua mail ci era sfuggita..
      Leggendo la tua mail sono sicuro che la tua problematica è legata fortemente a fattori psicoemotivi.
      La nostra mente è capace di tutto, e se continuiamo a nascondere o reprimere alcuni sentimenti o ricordi, questi rimangono in “cantina” diventando sempre più grandi e fastidiosi.
      Le emozioni bisogna farle circolare, solo così salendo come un’onda, poi scenderenno in maniera naturale. La guarigione presuppone questo.
      Considerando ciò, l’aiuto che ti posso offrire è online, attraverso una consulenza con la quale ti posso ascoltare e poi consigliarti bene il cosa fare..

      Se hai dubbi o info chiamami pure al 380.5297662
      dott. Luca Lombardi
      Naturopata

      reply
  10. Pamela agosto 24, 2016

    Salve,stasera sono uascita ma sono dovuta rientrare a casa per un attacco di diarrea improvvisa. Questa cosa mi sta ostacolando e limitando la vita. Se sto fuori casa ho paura anche di mangiare ma il fatto è che stasera ho avuto questo attacco prima di mangiare. Ultimamente ho anche attacchi di diarrea notturni.Non so più cosa fare perchè sento che sta diventando qualcosa di più grave perchè ho paura di uscire fuori casa,di mangiare ecc . Stasera sono troppo giù,ho rovinato la serata a tutti per questa stupida diarrea.

    reply
    • coliteaddio agosto 25, 2016

      Ciao Pamela
      se i tuoi attacchi di dissenteria non sono dovuti né ad alimenti ingeriti, né ad acqua non potabile o contaminata, né a fattori emotivi o legati a forme di stress, le cause sono da ricondursi o ad una disbiosi intestinale, ovvero una carenza di flora batterica, o ad una parassitosi. In quest’ultimo caso dovresti effettuare l’esame delle feci, anche se non ha un’attendibilità del 100%.
      In ogni caso una integrazione seria e fatta bene di pre e probiotivi risolverebbe definitivamente il tuo problema

      Luca Lombardi

      reply
  11. Alex settembre 7, 2016

    Buongiorno, sono confortato dal vedere che questo problema non riguarda solo me. Nel mio caso non si tratta sempre di vera e propria diarrea (non sempre è liquida, per intenderci..) ma di scariche – anche solide, appunto – accompagnate a dolori che non mi lasciano molto tempo per “reagire”. Solitamente mi capita quando esco la sera e quando so che potrei avere difficoltà a raggiungere un bagno con “discrezione”, ossia senza dire a tutti che ho bisogno di un bagno e che quindi mi devo allontanare. Per esempio, quando si va a cena fuori: solitamente finché sono nel locale non ho nessun problema, ma inizio ad avere lo stimolo appena esco; magari qualcuno nella compagnia propone la passeggiata per digerire, o semplicemente ci si ferma a chiacchierare di fronte al locale e si perde tempo per decidere dove proseguire la serata… Questa è la tipica situazione in cui lo stimolo mi colpisce, e forse subentra anche un senso di “vergogna” (cioè, mi vergogno a rientrare nel locale, sia nei confronti degli amici sia nei confronti di chi è dentro il locale… Mi sembra di fare la parte dell’incontinente). In generale, mi capita quando so che non posso andarmene in bagno senza che lo sappiano tutti. Alle volte mi capita anche sul lavoro: per esempio quando partecipo a un meeting o peggio quando devo fare una presentazione, che so che non posso interrompere quando mi pare, a meno di fare una figuraccia…

    Una volta mi capitò mentre tenevo una lezione in università. Si trattava di un incarico a tempo; non ero male come docente ma episodi come questo mi facevano odiare questo lavoro e vivevo molte lezioni con l’ansia che potessi avere problemi (in particolare quando erano subito dopo un pasto, e magari arrivavo in classe senza aver avuto modo di evacuare prima) . Avevamo da poco concluso il break quando lo stimolò mi colpì fortissimo. Fortunatamente ero seduto alla cattedra , fossi stato in piedi sarebbe passato molto meno inosservato… E certo non potevo iniziare un altro break: dovetti far finta di ricevere una telefonata sul cellulare e mi scusai con la classe per uscire e correre in bagno; sono quasi certo che i ragazzi avessero capito la situazione (mi sentivo il respiro affannoso, la voce che tremava e facevo fatica a parlare normalmente, più o meno come se oltre al mal di pancia mi stesse venendo un attacco di ansia…) e provai una discreta dose di vergogna. Ma in quel caso non potevo certo aspettare un’ora e portare avanti la lezione in quelle condizioni.

    Quello che ho notato è che una cosa che accomuna tutte le situazioni in cui mi è capitato: quando so che sono con persone che in qualche modo mi “giudicano” o mi valutano, ovvero quando ci sono persone che conosco poco o con cui non ho un gran feeling, o con cui ho rapporti formali. Quando invece sono in compagnia di persone con cui posso “essere me stesso” la cosa succede molto meno…

    reply
    • Luca settembre 23, 2016

      La questione come credo tu abbia compreso, è di origine psichica. Le possibilità sono due: o c’è un evento scatenante accaduto nel tuo passato che in seguito ha fatto “scoppiare” questo genere di manifestazioni. O comunque è un messaggio, un modo che una parte di te ha escogitato per farti lavorare e superare degli squilibri o paure che già ti appartenevano.
      Ad ogni modo, come ti posso aiutare è attraverso qualche consulenza online per poi consigliarti precisamente e in dettaglio su cosa devi fare per trasformare e risolvere questa situazione.
      Chiamami pure al 380.5297662
      o visita la pagina di accesso ==> http://www.coliteaddio.it/ordina.htm

      A presto
      Luca Lombardi
      Naturopata

      reply
  12. Alice settembre 22, 2016

    Mi ritrovo molto in questo articolo. Purtroppo quest’estate ho vissuto dell’esperienze sgradevoli che ora condizionano esageratamente la mia vita. La prima è stata colpa mia me la trattenevo dalla mattina e alla fine é andata giù come diarrea..le altre sono successe appena finito di mangiare nonostante fossi tranquilla. Fino a cinque anni fa ho anche sofferto di “perdere il controllo” ma per quanto riguarda la pipì e ora questa paura si è ingigantita per quanto riguarda questi attacchi. La cosa che mi fa più paura è che sono successi così a caso senza una logica a distanza di 10 giorni l’uno dall’altro. Ora sento che non la faccio come prima e quindi non riesco a uscire di casa…aiuto

    reply
    • Luca settembre 23, 2016

      IN te e nella situazione che stai vivendo c’è una componente psicosomatica molto forte, dieri fondamentale, che provoca le manifestazioni che mi hai scritto nella mail.
      In questi casi il lavoro è fatto quasi esclusivamente per rimuovere o trasformare il conflitto psichico che genera il disturbo.
      Se sei interessata contattami pure, una o più consulenze online sarebbero efficaci.
      Chiamami pure al 380.5297662

      Luca Lombardi
      Naturopata
      http://www.tuttonaturopatia.com

      reply
  13. Manuel dicembre 24, 2016

    Buonasera.il problema é iniziato circa 10 anni fá,prima con scariche liquide dopo aver mangiato,sono intollerante al lattosio scoperto ormai 5 anni fa…però anche se lo evitavo il problema persisteva sino a quando 5 anni fa é peggiorato tantissimo sino ad avere il terrore ed evitare pranzi e cene di lavoro o con amici….se mi trovo anche solo a parlare in casa di altri o in un parcheggio per esempio il problema parte immediatamente…..non cambio lavoro perché non riuscirei a fare un colloquio…non prendo aerei e non vado da solo in macchina con altri…riesco solamente se accompagnato dalla mia ragazza…..giuro mi accompagna addirittura a tagliare i capelli……non resisto più….mi serve aiuto

    reply
    • coliteaddio dicembre 27, 2016

      Ciao Manuel, di casi come il tuo ne ho trattati parecchi. Il lavoro è complesso ma i risultati non tardano ad arrivare.
      Si tratta di lavorare sul ripristino del microbiota intestinale, parallelamente alla verifica di una parassitosi in atto, oltre che un programma alimentare specifico e personalizzato. Per ultimo ma non per importanza, cpmprendere se la tua sfera emotiva influisce sulle manifestazioni sopracitate.
      Ti consiglio di chiamarmi al 380.5297662 in modo tale da poterti spiegare nei minimi dettagli ciò che si può fare.
      A presto

      Luca Lombardi

      reply
  14. Luana marzo 18, 2017

    Salve,ho 37 anni e ho questo grande problema che mi tormenta..Ho paura di uscire e di allontanarmi troppo da casa perché ho paura di una diarrea improvvisa..Che purtroppo spesso capita.nel 2012 per ben 10 mesi andavo a diarrea e il mio dottore non riusciva a diagnosticarmi nulla in quanto qualunque analisi che io facevo risultava che ero un soggetto sano.in quell’anno avevo mia figlia che aveva 2 anni e puntualmente Quando in braccio mi si addormentava il pensiero andava subito li,e piangendo su di lei sussurravo che non l avrei sicuramente vista crescere,che da un momento all’altro magari usciva fuori un tumore che ora era nascosto..Un incubo.
    Mangiavo,pasta in bianco, petto di pollo e merluzzo e comunque trascorrevo 3 ore del mio tempo senza mai uscire dal bagno in diarrea continua.
    Fortunatamente tramite un’amica ho conosciuto una naturopata che mi ha scoperto una grave intolleranza al frumento..Io mi nutrivo solo di quello ecco perché stavo sempre male.
    Comunque, problema risolto finalmente ma questa cosa purtroppo mi ha lasciato lo strascico,io ho paura di uscire di casa e di subire di nuovo il tutto nonostante adesso so quello che mangio.puntualmente poi capita che la mia insicurezza provoca il reale malessere, quindi episodi di diarrea..Ho due bambini piccoli e una vita davanti,come faccio a superare il tutto e soprattutto a non condizionare anche loro per la mia testa malata? Grazie

    reply
    • coliteaddio marzo 18, 2017

      Ciao Luana
      comprendo bene la tua situazione. Ti stai trascinando delle paure dal passato che influenzano la tua vita attuale e il tuo quotidiano.
      Il potere e l’influenza che la nostra mente ha sul nostro corpo è incredibile.
      Potremmo dire che tutte le malattie hanno una matrice psicosomatica. la nostra mente (con le emozioni) è l’ago della bilancia tra la nostra salute
      e la malattia, tra il benessetre e il malessere.
      La tua situazione è risolvibile principalmente andando a trasformare alcuni tuoi timori e paure che occupano tuttora la tua testa.
      Chiamami in settimana al 380.5297662 così da poterti dire come aiutarti.

      Luca Lombardi
      Naturopata

      reply
  15. VINCENZO giugno 9, 2017

    SALVE DOTTORE SONO UN UOMO DI 30 ANNI CON UN CARATTERE MOLTO ANSIOSO
    E SUSCETTIBILE E LA MIA STORIA E’ ABBASTANZA LUNGA,SE CE NE SARA’BISOGNO LE FARO’UN RIASSUNTO,MA LE SCRIVO APPUNTO PER QUESTO PROBLEMA:LA DISSENTERIA.
    MI SI PRESENTA SEMPRE COL CALDO,APPENA IL MIO CORPO AVVERTE UN CALDO ECCESSIVO VADO IN ANSIA E MI SI PRESENTA IL PROBLEMA.
    SONO UN UOMO SPORTIVO (PALESTRA RUNNING,CALCIO) E ANCHE DURANTE GLI ALLENAMENTI COME LE DICEVO PRIMA,APPENA SENTO PASSARE LA SOGLIA DI SOPPORTAZIONE DEL MIO CORPO AD UN CERTA TEMPERATURA RIECCOCI..
    SPERO POSSA DARMI QUALCHE CONSIGLIO EFFICACE,LA RINGRAZIO IN ANTICIPO E LE AUGURO BUON LAVORO.

    reply
    • coliteaddio giugno 10, 2017

      Buongiorno Vincenzo e grazie per la tua mail!
      il tuo è chiaramente un problema con una forte connotazione psicosomatica. La nostra mente può giocarci brutti scherzi, ben più gravi della tua problematica.
      Bisogna semplicemente capire il disequilibrio emotivo che ti porta a questa manifestazione associata a determinate condizioni ambientali (caldo, attività, ec..).
      Fatto questo, con i rimedi floreali adatti o degli archeopatici, tutto si risolverà.
      Ma per completare l’anamnesi e migliorare l’efficacia del risultato finale di remissione del quadro sintomatico, sarebbe anche utile lavorare sulla flora batterica con probiotici specifici che utilizzo in caso di dissenteria, o comunque nei casi simili al tuo.
      Per ulteriori chiarimenti puoi chiamamri privatamente al 380.5297662
      O seguire le proposte online, dove ti consiglierei il secondo pacchetto con le conulenze online
      ==> http://www.coliteaddio.it/ordina

      dott. Luca Lombardi
      Naturopata

      reply
  16. Aldo luglio 19, 2017

    Buongiorno
    Vorrei chiederle coda si intende per cura probiotici ossia per quanti giorni andrebbe praticata
    Io prendo un prodotto da due settimane è ho visto miglioramenti ma mi è capitato dopo aver ingerito certi alimenti di avere isolati episodi di diarrea
    Continuo a prendere probiotici o sono gia sufficienti?
    Ps sono flaconi da 10 miliardi di bacillus clausii
    Grazie

    reply
    • coliteaddio luglio 20, 2017

      Ciao Aldo
      la posologia ed il tipo di probiotici è individuabile preferibilmente dopo un’attenta anamnesi nei confronti della persona.
      In ogni caso ti consiglio di assumere i fermenti per un periodo medio-lungo, anche di 45 giorni

      reply

Leave a Comment