La Sindrome del Colon Irritabile, più conosciuta come colite, consiste in una infiammazione del colon o di un segmento di esso che si manifesta con sintomi tipici quali dolore e gonfiore addominale, flatulenza, alternanza di stipsi e diarrea.
Il disturbo è più diffuso tra la popolazione femminile e può essere causato o intensificato da fattori esterni come lo stress fisico e psicologico, l’ansia, la depressione e uno stile di vita scorretto, che include un regime alimentare sbagliato e la mancanza di attività fisica (la sedentarietà non giova al benessere del nostro intestino).
Così come accade per qualsiasi patologia riferibile all’apparato digerente, anche la colite è strettamente correlata al tipo di alimentazione seguito, che a seconda della sua adeguatezza o meno, contribuisce in modo significativo ad un miglioramento o ad un peggioramento dei sintomi ad essa correlati.

Esistono dei cibi proibiti in caso di colite?

La risposta è sì: alcuni alimenti sono fortemente sconsigliati quando si è affetti dalla Sindrome del Colon Irritabile.
Entriamo quindi nello specifico e vediamo quali sono.
La crusca, tanto per cominciare, è certamente una vivanda in sé salutare e benefica, ma la sua fibra potrebbe aggravare la situazione in caso di colite ed andrebbe pertanto evitata, soprattutto nei momenti in cui essa si accompagna a diarrea. Da elimitare completamente dalla dieta, specie quando si è sportivi.
Allo stesso modo dovrebbero essere banditi tutti i dolci raffinati, troppo farciti ed elaborati (torte, pasticcini, gelati, ma anche panna e marmellata), gli insaccati, i condimenti grassi e difficili da digerire (burro, margarine, lardo, strutto ecc.), i fritti, le salse (senape, maionese, ketchup ecc.) e tutte le bevande che contengono caffeina (tè, caffè, cola). Meglio fare a meno di qualche zuccheroso boccone che lamentarsi successivamente per spasmi di grande intensità, impossibili da arginare con una semplice borsa dell’acqua calda.
Out anche le bibite gassate, gli alcolici ed i superalcolici, dal forte potere irritante e dannosi sotto ogni punto di vista. Occorre proibire all’organismo di ottenere questi cibi o si rischia davvero il tracollo.
Ci sono poi alimenti per molti insospettabili e che invece potrebbero acuire fortemente i disturbi di tipo colitico. La lista dei cibi cattivi non è ancora vinita. La scuola di lezioni alimentari va seguita sino infondo se lo scopo è ristabilire la propria salute fisica.
Tra questi cibi negativi citiamo il brodo di carne ed i dadi e i dolcificanti come il mannitolo ed il sorbitolo, presenti nei prodotti senza zucchero (come le caramelle, i chewingum ecc.).
Sicuramente più evidente invece, l’effetto negativo che potrebbe causare l’assunzione di spezie come il pepe, la paprika, il curry e il peperoncino, dal noto effetto irritante sulle mucose intestinali e quindi da non mangiare in caso di colite.
Se i cibi finora elencati non dovrebbero mai o quasi mai comparire sulla tavola di chi soffre di Sindrome del Colon Irritabile, ve ne sono altri che invece, fortunatamente, sono vivamente consigliati e che, se consumati con regolarità, possono efficacemente contribuire ad un miglioramento dello stato intestinale e delle generali condizioni dell’organismo.

I migliori cibi dei colitici

Annoveriamo in primis frutta e verdura, con particolare attenzione ai limoni, disinfettanti naturali, ed ai kiwi, regolarizzatori delle funzioni intestinali, e poi i formaggi stagionati (ottimo il Grana Padano), le carni bianche e magre, ma anche il vitello ed il manzo, i latticini freschi e lo yogurt, quest’ultimo, in particolare, per la capacità di supporto nel ripristino della flora batterica, in genere alterata in caso di colite, il pesce (sia fresco che surgelato), il pane (di qualsiasi tipo, a parte quello bianco), la pasta e il riso. Tutti questi alimenti vanno masticati di buon grado e qualora ci fosse qualcuno non di vostro gradimento, meglio abiturare il palato con piccole dosi o provare quella pietanza, proposta in un’altra ricetta, prima di mettere una pietra sopra quel cibo e in un certo senso, anche sul vostro stomaco. E’ importante anche proibire alla vostra mente di ridurre le speranze di guarigione. Fate quindi uno sforzo di volontà e abituate il corpo a mangiare nuovi cibi che prima non assumevate. Se partite dal presupposto che questi alimenti rientrano tra i migliori cibi per la colite e potrebbero rivelarsi davvero utili a risolvere positivamente il colon debole di cui soffrite, vedrete che tutto sarà più facile.
Non fate i capricciosi e seguite i consigli del nostro dietologo dell’intestino.
Si tratta di sugguerimenti di cui i più grandi esperti del settore nutrizione hanno già parlato, come nel caso del dottor Longo, di cui abbiamo parlato in un altro articolo, relativo agli effetti benevoli legati al digiuno.

Altamente consigliato anche il consumo giornaliero di almeno 1,5 litri di acqua oligominerale.
Infine, una raccomandazione di fondamentale importanza per chi è costretto a convivere con i sintomi fastidiosissimi della colite: attenzione non solo a ciò che mangiate, ma anche a come lo mangiate.
Questo vuol dire che i pasti devono essere regolari e che il cibo va ingerito senza fretta, in quanto masticare lentamente è il primo passo per una digestione sana e dai giusti ritmi dettati dalla natura; evitare di fumare inoltre, maggiormente durante il pranzo e la cena, velocizza significativamente la guarigione.