La pancia gonfia è un problema che affligge tante persone, indipendentemente dal sesso di appartenenza e dall’età. Ne sono soggette le persone dai 20/25 anni in su in maniera indistinta. Uno dei problemi principali percepiti soprattutto in giovan età è quello di nascondere questo inestetismo agli altri, ma per farlo, bisogna indagare sulle vere cause.

Le ragioni che spiegano il perchè del rigonfiamento dell’addome possono essere diverse e non sempre sono facili da individuare.
Capita spesso, per esempio, di sentire persone che si lamentano della pancia che si gonfia dopo aver mangiato. Questo fenomeno colpisce moltissimi individui. Trovare la soluzione alla pancia gonfia dopo i pasti è importante per godersi appieno pranzi e cene, senza temere le sensazioni spiacevoli che porta con sé questo disturbo.

Ma perché si gonfia proprio dopo pranzo? O dopo una cena?

La colpa può essere di pasti troppo abbondanti, o del fatto che si consumano cibi che scatenano nel nostro intestino delle reazioni particolari.
Certi cibi, per esempio, tendono a fermentare, sino a diventare indigesti. Tra questi ci sono i latticini e determinati tipi di ortaggi. Non dimentichiamo, poi, che anche le intolleranze giocano un ruolo fondamentale.
“Mi sento gonfio” è la frase tipica di chi ha abusato di cibi non adatti. Per esempio, in caso di intolleranze al frumento, la pancia può gonfiarsi dopo aver consumato pasta o pane.

In altri casi, il problema è da ricercare nel modo di alimentarsi.
In questo mondo si corre sempre e spesso si mangia troppo velocemente. Questo comporta una certa ingestione di aria che fa aumentare di volume la pancia, creando la spiacevole sensazione di averla perennemente gonfia.

pancia gonfia

C’è da dire che, nelle donne, il fenomeno si verifica anche a causa della sindrome premestruale o menopausa, è quindi legato a un problema fisiologico ormonale.
Quando non capita spesso, magari a giorni alterni oppure di tanto in tanto, si può pensare a un problema di intolleranza o allergia, quindi bisognerebbe stare attenti a cosa si è mangiato in quei giorni per capire cosa ci fa male, ed evitare, quindi, di riassumere gli stessi cibi.

Non è tuttavia impossibile sgonfiare la pancia. Può apparire tonda e dura, negli uomini “magri” e con muscoli a volte nasconde gli addominali. La pancia tesa è un problema che riguarda un po’ tutti, anche le donne incinta. In quel caso, l’intestino ha sempre meno spazio e di conseguenza le sue normali funzioni subiscono un bel cambiamento, che possono portare a fenomeni di meteorismo o stitichezza.
Ma come dicevamo esistono rimedi, soluzioni più o meno rapide per eliminare eventuale aria in eccesso – che è spesso la principale causa della pancia perennemente gonfia – e per risolvere questo disturbo.

In primo luogo è importante abbinare correttamente i cibi. La sensazione di essere gonfissimi, infatti, spesso è dovuta ad accoppiamenti di cibi scorretti. Evitare di mangiare carne e legumi, per esempio, può aiutare a combattere il gonfiore.

Da tenere presente le intolleranze, soprattutto quella al lattosio. Quando è accertata, bisogna eliminare tutti i cibi che lo contengono.
Questo vale anche per chi soffre di celiachia, l’intolleranza al glutine e vale anche per chi sa di avere qualche chilo di troppo da togliere: perdere peso può essere di grande aiuto.
Per evitare di ingerire troppa aria, è importante masticare a lungo, lentamente, mangiare poco e spesso ed evitare di parlare troppo quando si sta pranzando o cenando.

L’assunzione di fermenti lattici vivi – nel momento in cui si assumono farmaci come antibiotici – può essere molto utile per combattere la pancia gonfia. Inoltre, va ricordato che è necessario mantenere un buon apporto di fibre e un alto livello di idratazione (almeno due litri di acqua al giorno aiutano a sgonfiare la pancia).

Anche l’esercizio fisico può venire in soccorso, perché allenta lo stress, che è spesso causa del gonfiore. Yoga, pilates, sport in generale sono un valido aiuto, quindi andrebbero praticati con regolarità.

Può essere utile sfruttare la proprietà delle tisane, come quella ai semi di finocchio, per esempio, per espellere l’aria in accesso. Massaggi delicati addominali completano le azioni da fare per limitare o eliminare del tutto la pancia gonfia.

E’ importante conoscere l’origine del gonfiore, perché la sensazione di essere costantemente gonfi non è piacevole e bisogna capirne la causa per poi poter combattere efficacemente il fenomeno.

Ciò che si gonfia, infatti, il più delle volte è l’intestino. Ma è importante capire dove si è più gonfi, se sotto l’ombelico, a sinistra o destra, per aiutare il nostro corpo a stare meglio con i giusti rimedi.
La cosa migliore, il miglior rimedio anti gonfiore, è la dieta. Aiutarsi con i cibi giusti, mangiare leggero, sano e con calma è la soluzione più rapida e pratica per evitare di sentire la pancia perennemente gonfia.

Cosa mangiare e bere per sgonfiarsi

  • frutta e verdura, ricca di antiossidanti e di vitamine. Attenzione a scegliere quelli giusti. Legumi e alcune verdure come broccoli e cavoli favoriscono la formazione di aria nell’intestino. Quindi vanno preferite verdure come zucchine, lattuga, radicchio, bietole e spinaci.
  • Per la frutta, è sempre bene dirigersi verso quella ricca di vitamina c e anche avocado, melone e banane.
  • avena, riso, prodotti integrali, quinoa
  • frutta a metà mattina
  • poche proteine da abbinare a verdure (mai fritte)
  • tisane ai semi di finocchio, coriandolo, cumino e cardamomo
  • spezie come curcuma, cumino e anice
  • zenzero, ottimo digestivo che combatte la pancia gonfia, però occhio ai casi in cui può risultare controproducente magiarne troppo.

Di contro bisogna evitare determinati alimenti. I cibi che possono rendere difficile la digestione come: salse, fritture, prodotti piccanti e carichi di grassi, non aiutano il povero intestino a lavorare come si deve.

Inoltre bisogna evitare – o comunque limitare – il consumo di queste verdure:

  • legumi (ceci, lenticchie, piselli e fagioli)
  • cavoli
  • cipolle
  • melanzane. Queste verdure producono aria, perché tendono a fermentare e la fermentazione dei cibi, all’interno della pancia, è la principale causa del gonfiore della pancia stessa.
  • Da evitare i latticini, anche se non si è intolleranti, perché tengono a creare fermentazione e quindi gas nella pancia. Lo yogurt fa eccezione, se ricco di fermenti lattici vivi.

E’ importante partire bene! Una buona colazione, leggera ed equilibrata toglierà la sensazione di pancia costantemente gonfia. Ma cosa mangiare di prima mattina? Evitare i latticini, meglio consumare latte di avena o soia, un po’ di cereali come fiocchi di mais o riso soffiato semplice e un frutto (ottima la mela, preferibilmente mele golden).

 

La pancia gonfia nel mondo occidentale è dovuta quasi sempre a un’alimentazione scorretta, ma comunque ricca, che non va confusa con la pancia prominente dei bambini del terzo mondo, che vivono per lo più di riso e poco altro e hanno la pancia carica di liquidi, a causa della riduzione delle proteine nel sangue.

Va detto che seguire una buona alimentazione, bere molto, praticare sport potrebbe non essere sufficiente per eliminare il problema della pancia perennemente gonfia, soprattutto se si vive una vita molto stressante. Lo stress, come abbiamo già accennato, costituisce una delle cause del gonfiore. In questo possono essere d’aiuto le discipline come lo yoga o il pilates, che aiutano a liberarsi delle tossine create dallo stress, tossine che girano nel nostro corpo e contribuiscono a gonfiare la pancia.

Non serve quindi “dimagrire”, se prima non si limita lo stress.

Lo stress colpisce un po’ tutti e il problema quindi riguarda sia donne che uomini, soprattutto sopra i trent’anni. Sarà capitato di sentire tante donne dire “mi sento gonfia!”, in particolari periodi del mese o magari quando sotto pressione. Questo può causare anche qualche problema psicologico e il problema di cosa indossare per nascondere questa condizione. In questi casi è bene scegliere abiti comodi, che nascondano un po’ la pancia, almeno fino a quando non si riesce a combattere il problema.
Questo gonfiore può presentarsi anche quando si smette di prendere la pillola anticoncezionale, ma è un problema più che altro fisiologico: l’organismo riparte, in un certo senso, e gli ormoni riprendono a lavorare come prima, le ovaie tornano a produrre, pertanto è normale che si verifichi questo fenomeno. Bisogna attendere che il fisico si riassesti, nel frattempo è bene seguire le indicazioni già date in precedenza.
In questi casi ci si può aiutare con delle panciere che, chiaramente, non eliminano il gonfiore, ma lo contengono. Si possono indossare sotto gli abiti per evitare l’imbarazzo, ma è importante poi rimediare e cercare di sgonfiarsi.

Bisogna diffidare di chi dice che si può migliorare in pochi giorni perchè occorre invece adottare dei comportamenti alimentari – e non solo – per un po’ di tempo, al fine di aiutare l’organismo a liberarsi delle scorie e riportare la pancia com’era.
Ci si può aiutare con dei prodotti farmaceutici, meglio se specifici integratori per pancia gonfia.
Così come può essere utile assumere carbone vegetale, perché si comporta proprio come una spugna e assorbe l’aria in eccesso. Sempre utile ricorrere anche alla fitoterapia, con prodotti a base di finocchio, anice, camomilla, melissa e cumino.